immagine news

OPEN DAY FAENZA

Lunedì 18 settembre laboratori aperti e uno sportello informazioni per iscriversi al corso di Tecnico Superiore per sostenibilità, sviluppo, design del prodotto ceramico. Iscrizioni fino al 6/10

Il comparto della ceramica con la sua tradizione artigiana e la continua ricerca e innovazione fanno parte indiscussa da decenni del Made in Italy nel mondo. Ecco perché rispondendo alle esigenze aziendali del territorio si rinnova il corso TONITO EMILIANI di FITSTIC - Fondazione Istituto Tecnico Superiore Tecnologie Industrie Creative - dedicato a formare la figura professionale di “Tecnico superiore per sostenibilità, sviluppo, design del prodotto ceramico”.

La presentazione della quinta edizione del corso Tonito Emiliani 2017-2019 si svolgerà il 18 settembre a Faenza presso l’Istituto Ballardini, dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00.

Il corso, alla sua quinta edizione, è pensato per supportare nel territorio regionale la ripresa del settore ceramico dei distretti di Imola e Faenza e lungo l'asse Sassuolo-Fiorano e Casalgrande che, secondo l’ultima rilevazione del Centro Studi di Confindustria Ceramica (2016) registra una ripresa nelle vendite considerate nel loro insieme (+4,6%), grazie all’aumento della domanda sul mercato italiano e ad una espansione delle esportazioni (+4,4%), che hanno trainato la produzione (+5,4%).

Gli aspetti innovativi che si possono sottolineare riguardano anche gli ambiti dello sviluppo della ricerca, in collaborazione con il Centro Ceramico di Bologna e CNR e CertiMAC di Faenza, e tra gli obiettivi anche la valorizzazione dell’ambito digitale, attraverso l’inserimento di nuove unità formative che potenziano gli aspetti più tecnologici del processo produttivo.

Durante la giornata di presentazione del corso, oltre ad uno sportello informazioni con la coordinatrice del corso Viola Emaldi e la tutor d’aula Rita Trerè, sarà possibile partecipare ai laboratori aperti di formatura, prototipazione modelli e stampi e al laboratorio tecnologico.

“Arrivare a una quinta edizione con tante novità è la conferma della specificità e grande varietà del comparto ceramico sia nella produzione industriale che artigianale. Il corso, con cinque laboratori, ha sede in una struttura con annesso liceo artistico e con il prestigioso museo ceramico della scuola, attivo dal 1908, che permette ai ragazzi di immergersi nella storia della ceramica e coniugare il passato col presente e il futuro - spiega Viola Emaldi coordinatrice del corso T. Emiliani. Tradizione e innovazione stanno alla base delle esigenze di oggi, toccando ambiti diversi come progettazione, design, tecnologia, rivestimenti interni e esterni, smalti e colori, stampa digitale, e altro ancora. Tutti questi ambiti vengono affrontati e toccati formando una figura con competenze multidisciplinari, dall’informatica alla grafica, dalla stampa digitale al marketing, fino alle materie prime e ai processi industriali. Inoltre il mondo delle aziende, ma anche dei designer e della ceramica artistica, delle manifatture, degli studi di architettura e di interior design, hanno necessità di persone con una formazione adeguata e con figure competenti anche nel campo del design”.

L’innovazione didattica va al passo con le esigenze delle aziende di oggi del comparto ceramico tanto che il corso T. Emiliani si è dotato di una stampante digitale 3D, un laboratorio di prototipazione 3D, una stampante polimerica e una stampante ceramica, (grazie all’aiuto dell’incubatore FabLab di Faenza e in collaborazione con Museo Carlo Zauli). L’area dell’informatica per la stampa digitale è stata innovata grazie alle competenze di Mirko Turrini, dell’azienda emiliana Cerimages.

L’incremento formativo dell’offerta dei corsi FITSTIC e dei temi si basa sulle esigenze delle aziende del territorio.

Si ricorda che sono aperte fino al 6 ottobre 2017 le iscrizioni per i corsi biennali FITSTIC: oltre al al Tonito Emiliani, il corso intitolato a Marshall McLuhan (Tecnico Superiore per l’organizzazione e la fruizione dell’informazione e della conoscenza, a Bologna), fino al recente Alan Turing (Tecnico Superiore per lo Sviluppo di sistemi software ICT, a Cesena) e al nuovissimo Grace Hopper (Tecnico Superiore per la programmazione di sistemi software a supporto dello sviluppo del Industria 4.0).

Il collocamento occupazionale dei ragazzi diplomati FITSTIC è il 70% a 12 mesi dal conseguimento del diploma, di cui un 50% nelle aziende in cui hanno svolto lo stage.

Altre specifiche del corso T. Emiliani:

L'attività didattica, suddivisa in quattro semestri, avrà inizio nel mese di ottobre 2017 e si concluderà entro il mese di luglio 2019 per complessive 2000 ore di cui il 40% sarà dedicato all'esperienza di stage nelle imprese del settore di riferimento. Al termine del corso e con il superamento di un esame finale, sarà rilasciato il "Diploma di Tecnico Superiore" con la certificazione delle competenze corrispondenti al V livello del Quadro europeo delle qualifiche EQF. Il titolo verrà corredato dell’EUROPASS diploma supplement per favorire la circolazione in ambito nazionale ed europeo. Ogni biennio è rivolto a giovani e adulti in possesso di diploma di istruzione secondaria superiore. Per il 2017-2019 è prevista una quota di partecipazione pari all'importo di euro 200 per partecipante.

I candidati possono presentare domanda di iscrizione alla selezione, disponibile on line sul sito www.fitstic.it , fino al 6 ottobre 2017.

FITSTIC realizza corsi biennali post diploma professionalizzanti per tecnici superiori che interverranno nei settori dell’Information Communication Technology; risponde ai fabbisogni formativi ed occupazionali dell’Emilia Romagna, inserendosi nel disegno unitario della Rete Politecnica Regionale. FITSTIC fa parte delle 93 Fondazioni ITS presenti Italia, ciascuna operante in una delle 6 Aree Tecnologiche considerate prioritarie per lo sviluppo economico e la competitività.

Per informazioni sull'Open Day di Faenza:
Viola Emaldi: ufficio.its@isiafaenza.it



Hai bisogno di informazioni?

Compila i campi del form oppure chiama il numero 051 372143